USA IL SALE CON UN GRANO DI SALE

Durante le recenti ondate di freddo, migliaia di tonnellate di sale sono state utilizzate per il trattamento di strade e marciapiedi.

Naturalmente, far sì che le strade e i marciapiedi non siano scivolosi è essenziale, ma l'uso eccessivo di sale provoca un danno ambientale agli alberi, a piante ed anche ad animali.

Il Cloruro di sodio (o salgemma) è il trattamento più ampiamente usato come anti-ghiaccio, ma ha molti effetti collaterali.

Se usato per lunghi periodi di tempo può danneggiare il metallo delle auto e corrodere le superfici di calcestruzzo e asfalto, quindi si può immaginare il danno che può causare a piante ed alberi.

Purtroppo, la nebbia salina sollevata da camion ed auto può viaggiare fino a 50 metri; gli alberi e le piante più vicini alle strade principali che sono state trattate con sale hanno più probabilità di essere colpiti.

Il sale è naturalmente presente in piccole quantità nel terreno, ma in grandi quantità impedisce all'erba di assorbire nutrienti come il fosforo e il potassio, e può disidratare le radici dell'erba del prato.

Se il sale tocca i fili d'erba può causare chiazze marroni che riducono la capacità di assorbire i nutrienti dal sole, e rende la pianta più suscettibile al freddo.

Il sale provoca anche danni diretti alle piante ed alberi, ma questo potrebbe non essere evidente fino a mesi o addirittura anni dopo essere stati contaminati.

I sintomi variano da gemme che fanno fatica a fiorire, chiazze marroni ai margini delle foglie e nei casi più gravi la defogliazione di interi rami o la morte dell'albero.

Il sale può anche avere un impatto sulla salute degli uccelli migratori, infatti possono soffrire di avvelenamento da sodio, soprattutto se una fonte di acqua dolce non è disponibile nelle vicinanze.

Quando gli uccelli migratori si lisciano le penne possono ingerire i cristalli di sale ed una quantità anche di pochi grammi di sale può essere letale; inoltre possono bere e fare il bagno in acqua da pozzanghere di acqua salata da sentieri e strade che stanno iniziando a sciogliersi.

Se il sodio si cristallizza sulle piume degli uccelli può anche impedire funzioni di termoregolazione e di galleggiamento, causando l'uccello di morire di ipotermia o da annegamento.

 

Come trattare e limitare i danni?

 

Per evitare che il sale si posi sulle piante, una barriera fisica come una palizzata o degli oggetti decorativi possono aiutare a proteggere il giardino.

Quando raschi la neve e il ghiaccio con la pala, non gettarli sulla vegetazione circostante, specialmente se contengono sale.

Usare il sale con parsimonia e idealmente solo su superfici pavimentate che non sono vicine a qualsiasi tipo di vegetazione; utilizzare la minima quantità necessaria e solo quando è indispensabile.

Una manciata di sale grosso è sufficiente per un metro quadrato; prova a mescolarlo con sabbia per ridurre la quantità necessaria.

Infatti anche se la sabbia certamente non scioglie il ghiaccio, ma fornisce una certa trazione su superfici scivolose; essendo naturale, non contamina il suolo e causa problemi all’ambiente.

La lettiera per gatti può essere utilizzata nello stesso modo della sabbia per aumentare la trazione.

L’uso del Salgemma dovrebbe essere determinato dalla temperatura ambientale, in quanto funziona solo a temperature appena sotto lo zero; se il clima è più freddo, diventa inefficace.

Ci sono varie alternative, come il cloruro di calcio e il cloruro di magnesio che funzionano meglio a temperature più basse e sono prodotti più sicuri per l'ambiente.

Il cloruro di magnesio è considerato molto più sicuro per un uso in prossimità di piante e superfici in calcestruzzo rispetto ad altri prodotti, mentre il cloruro di calcio penetra il ghiaccio più velocemente a temperature più basse.

L’acetato di calcio e magnesio è il prodotto più sicuro per l'ambiente per rimuovere il ghiaccio. Non corrode i metalli o causa danni alla vita delle piante; può essere efficace contro il ghiaccio fino a circa -30 ° C.

Il liquido antigelo è molto utile in quanto consente di utilizzare meno sostanze chimiche e copre un'area più grande; tuttavia spesso è molto più costoso.

 

Per il giardino, la semplice acqua è il migliore trattamento per combattere i danni del sale, soprattutto se si vive vicino alla costa. Il sale rimane nel terreno fino a quando non si adottano le misure adeguate per risolvere lo scompenso minerale del suolo.

Non appena si sospetta un danno dovuto al sale, innaffiare l'area in profondità e per diverse ore; continuare l'irrigazione ogni giorno per i prossimi tre o quattro giorni.

Questo provoca il rilascio del sale in una maggiore area di terreno, diluendone gli effetti e portandolo più in profondità nel terreno via dove non può più influire sulla salute del prato, le piante o gli alberi.

Una volta che un albero comincia a mostrare sintomi di danni da sale non c’è molto che si possa fare, ma alti livelli di pioggia o irrigazione potranno filtrare il sale dal terreno prima della primavera.